concept19-09-2011

Cosa rende un telefonino diverso da un televisore? Le differenze sono così evidenti che la domanda sembra retorica, ma quando ad entrambi si aggiunge il prefisso “smart”, sotto le evidenti differenze si nascondono forti analogie. E’ l’effetto della convergenza tecnologica e funzionale, che consente di usare le stesse infrastrutture di rete per telefonare e per diffondere contenuti video e che rende intimamente simili tutti i dispositivi connessi, compresi smartphone e smartTV, perché controllati da microprocessori capaci di fare le stesse cose.

Il mercato sta sfruttando la convergenza tecnologica per dotare ogni dispositivo connesso di tutte le funzioni che il processore è in grado di supportare. Così gli smartphone consentono di vedere la TV in mobilità, mentre gli smartTV consentono di navigare in Internet e di eseguire applicazioni.

Ma a dispetto della convergenza, a rendere davvero diverso uno smartphone da uno smartTV (oltre alla dimensione dello schermo) è l’uso che ne facciamo. Non tanto perché continuiamo ad usare il primo per fare quasi di tutto e il secondo quasi esclusivamente per guardare la TV, ma anche perché li usiamo in luoghi diversi e con atteggiamenti diversi.

Quando usiamo uno smartphone siamo spesso fuori casa e abbiamo l’atteggiamento attivo di chi usa un computer, quando usiamo una smartTV siamo sprofondati nel divano con un telecomando in mano e abbiamo l’atteggiamento passivo di chi lascia scorrere un canale lineare. Siamo “protesi” verso il primo (leaning forward) e “reclinati” di fronte al secondo (leaning back).

Questa differenza di paradigma d’uso si riflette anche sulla nostra disponibilità a dedicare tempo e attenzione alla personalizzazione dei due dispositivi. Mediamente dedichiamo molto impegno alla personalizzazione del nostro smartphone, che diventa così il dispositivo personale per eccellenza, e accettiamo passivamente le impostazioni standard del nostro televisore. La proliferazione di dispositivi connessi non fa che accrescere il divario rendendoci sempre meno disponibili ad investire tempo nella configurazione di strumenti diversi dal telefonino.

Il progetto openBOXware for Android parte da queste considerazioni e si pone due obiettivi contro tendenza:

  1. permettere di usare lo smartphone anche per guardare la TV in salotto, evitando di configurare e personalizzare tanti dispositivi diversi;
  2. rendere accessibili tutti i contenuti e le applicazioni multimediali in rete con le semplici modalità di accesso dei tradizionali canali televisivi, portando su Internet chi non ha mai navigato in rete ma sa usare la TV.

Vogliamo consentire agli utenti di ritrovare sul televisore lo stesso ambiente di lavoro che si sono pazientemente costruiti sul proprio smartphone, con tanto di applicazioni, file e link. Al tempo stesso vogliamo preservare l’esperienza d’uso della TV tradizionale, che ha l’enorme vantaggio di essere familiare al 99% della popolazione. In altre parole, vogliamo ridurre la proliferazione di interfacce utente e sfruttare la popolarità della TV per colmare il divario digitale.

Questo concetto complesso ha una realizzazione molto semplice: openBOXware for Android è un software installabile sulla maggior parte degli smartphone basati su Android. La piattaforma permette ai content provider (e ai normali utenti) di sviluppare MediaSource che, una volta installati sulla piattaforma, consentono l’accesso a contenuti multimediali (attraverso Internet o qualsiasi altra rete di distribuzione) e permettono all’utente di fruirli in modo lineare.
In oltre, la piattaforma sfrutta le capacità messe a disposizione dal sistema operativo Andorid su cui è basata, permettendo all’utente di installare applicazioni e di usare le funzionalità multimediali e sociali integrate che la maggior parte della popolazione si sta abituando ad utilizzare.
Le applicazioni installabili possono essere progettate per interagire con la piattaforma openBOXware for Android così da rendere disponibile all’utente un’interfaccia di utilizzo adatta all’esperienza lean back a cui openBOXware vuole dare diffusione.